domenica 16 maggio 2010

Ricette della Sardegna: Flan Di Latte


Dolce e tenero, senza conservanti, facile e veloce: queste sono le parole per definire il Flan di Latte. Ne propongo una versione che è la via di mezzo tra quella con troppe uova e quella con poche uova. Ho fatto delle porzioni singole, meglio gestibili e adatte per creare delle presentazioni, anche perchè il rischio è che il flan si rompa e si è costretti a presentare una roba molliccia non gradevole alla vista. Perchè come si sa la degustazione inizia con il senso visivo.

- 4 dl di latte intero,
- 2 rossi d'uovo,
- 2 bianchi d'uovo,
- 5 cucchiai di zucchero,
- buccia grattugiata di un limone non trattato,
- un cucchiaio di rum.

Sbattete i rossi con tre cucchiai di zucchero, i restanti due metteteli a fondere negli stampi senza scanalature,  ottenetene un caramello che farete aderire anche alle pareti. Quando lo zabaione sarà lavorato finemente aggiungete la buccia del limone grattugiata, il rum e il latte. Sbattete a neve ferma i bianchi e incorporateli nel composto in modo delicato con movimenti dal basso verso l'altro. Versate negli gli stampi e mettete a cuocere a bagnomaria in una pentola capiente con il coperchio (mettelo perché il dolce si rapprende in modo uniforme) per almeno mezz'ora. Vi accorgerete quando il composto si è rappreso, scuotendolo leggermente. Mettete a raffreddare prima all'esterno e poi in frigo.
Capovolgete le formine e grattugiate sopra delle scaglie di cioccolato fondente.

4 commenti:

Gunther ha detto...

la magia di certe preprazione sta nella semplicità e nella maestria di chi le sa realizzare

Rosalba ha detto...

E' vero gunther, grazie!

themasterofcook ha detto...

Non sono un fan del latte ma questi flan sono cosi belli che vien voglia di assaggiarli... :-)

Rosalba ha detto...

Emanuele è stata tutta un specie di sperimentazione, pensa che ho cotto uno in un modo e l'altro in un'altro. Nella ricetta scritto il modo che ha funzionato meglio. Uno è venuto ben sodo e corposo l'altro leggermente molliccio. :-)

Posta un commento