venerdì 12 febbraio 2010

Seppie in umido

Nelle pescherie della mia zona si trova spesso la seppia fresca. Di solito preferisco prenderla di taglia piccola per poterla cucinare alla griglia, in inverno il camino è acceso e tanto vale cucinare lì il pesce fresco.
Nel caso le seppie in vendita siano di taglia grossa e pertanto tendenti al gommoso, la soluzione è cucinarla in padella, una ricetta molto conosciuta è la seppia con i piselli, ma i modi sono veramente tanti. Io da mia mamma ho imparato questo modo che presento oggi, la ricetta prevederebbe (uso il condizionale) l'utilizzo della sacchetta di liquido nero che si trova nello stomaco. Il nero non va usato in due situazioni: quando la seppia ha conosciuto il congelatore in quanto si è raggrumato (quindi da quello vi accorgete se è fresca e non solo dalle condizioni della pelle) e se non piace il nero. La mia situazione è la seconda: non mi piace il nero della seppia in alcun modo. Le seppie come del resto tutto il pesce, le acquisto solo se rigorosamente fresche.

Acquistate due grosse seppie, pulitele o fatele pulire e se vi piace mettete da parte il nero.
Altri ingredienti:
- aglio,
- prezzemolo,
- peperoncino in piccola quantità,
- pomodoro secco,
- olio e.v.o.
- vino bianco,
- brodo di dado o di pesce (meglio il secondo) e se non lo avete usate un mestolo di brodo di carne.

Predisponete la seppia tagliata a strisce, la testa divisa nei tentacoli, in una padella in acciaio mettete a rosolare l'aglio, il prezzemolo tritati, il peperoncino (poco), e il pomodoro secco tagliato a listarelle, fate rosolare bene e versate le seppie. Girate velocemente, fate rosolare e bagnate con il vino bianco. Fate cuocere a fiamma bassa, se il liquido di cottura si riassorbe usate il mestolo di brodo. Servite calde come antipasto o come secondo.

8 commenti:

Federica ha detto...

le trovo squisite preparate così! ciao!

Rosalba ha detto...

sono ottime credimi, con un sughettino delizioso!! ciao e grazie!

nicole c ha detto...

anche io amo la sepia cucinata cosi,uonissima,complimenti!!Buon San Valentino!!

Rosalba ha detto...

Nicole grazie e Buon San Valentino anche a te!!

The Master Of Cook ha detto...

Rosalba, bellissime queste seppie.

Calamari seppie e polpi mi piacciono un sacco, fatti in tutti i modi.

Diciamocelo però, devono essere freschissimi! :-)

Rosalba ha detto...

Si Emanuele concordo! Anche tu come me sicuramente puoi accedere ad una buona varietà di pesce fresco.
Grazie :-)

Anonimo ha detto...

il problema è che la seppia fresca se nn viene congelata rimane dura,la ricetta puo essere buona ma troppe incoerenze nelle spiegazioni lascia insegnare cucina a chi la pratica,la studia e vive sul mare,come il sottoscritto.

Rosalba ha detto...

Anonimo non sono lezioni di cucina, io non sono una cuoca e "racconto" alcune ricette della mia infanzia come questa che avevo dimenticato e rifatto di recente, infatti ho specificato anche che la ricetta non è la mia. Sicuramente ci sono delle incoerenze: se fossi uno chef di professione non metterei qua le mie ricette. Sono solo una persona che cucina per passione (tempo permettendo) e anche se non vado a pesca e non studio cucina vado in pescheria dall'età di dieci anni e ho cercato da sola di distinuere il pesce fresco da quello congelato.

Pertanto hai ragione su quasi tutto e delle tue obiezioni farò sicuramente tesoro. Su una cosa non posso convenire con te "sul può essere buona". Perchè se non l'hai provata, sia con seppia congelata o fresca, non sai cosa è.

Puoi anche usare il tuo nome volendo per commentare: in casa mia le critiche sono bene accette. Questo blog è solo una modesta serie di ricette integrate da idee personali tutte opinabili per i motivi sopra esposti, non ha la pretesa di dare lezioni a nessuno.

Grazie per la gradita visita e il commento pur se anonimo.

Posta un commento